Home arrow Scritti arrow Documenti arrow Carta di clan
Clan della Tortilla
 
 
Menu principale
Home
Ultime Notizie
Hanno scritto
La storia
I servizi del Clan
Iscritti
Eventi
Scritti
Pierluigi
Maestri
Noci
Gallery
Link
Login Form





Password dimenticata?
Carta di clan PDF Stampa E-mail

Carta di Clan del Genova 30° Clan della Tortilla

 

 


 

                     Carta di Clan del Genova 30°                    
       Clan della Tortilla

        Convento P. P. Cappuccini


 

 

Premessa: ... la nostra Carta di Clan vuol essere soprattutto una norma spirituale.
E’ ispirata all’insegnamento del santo Vangelo, mantenendo come cardine la Legge Scout.
La vita attiva del Clan è regolata dalle direttiva centrali e da norme contenute sul presente documento, che ne caratterizzano la struttura.
Queste norme particolari sono dettate da passate esperienze per cui, non costituendo parte vitale delle direttive, possono essere integrate e modificate ogni qual volta il Consiglio di Clan lo ritenga necessario.
Il Clan si propone di fare dei Rovers che lo compongono degli uomini nel senso più cristiano della parola, segnatamente curando la loro lealtà in modo che nei rapporti con la società, sappiano segnalarsi per la limpidezza dei loro intenti.
In particolare nei suoi rapporti con Dio, lo Scout deve essere:
- Umile: riconoscendo in Lui il Creatore del cielo e della terra, di tutti gli aspetti mirabili della natura dei quali lo Scout ampiamente gode.
- Confidente: volgendosi a Lui, che Padre amoroso sovviene largamente chi a Lui si affida, prefiggendosi una meta di perfezione secondo i Suoi insegnamenti.
- Fiducioso: pregando con tutto il cuore, con fede viva, fidando nella Sua misericordia che non ha limiti.
- Mite: sull’esempio del Divino Maestro il quale disse: ”Imparate da me che sono mite ed umile di cuore”. Bando all’orgoglio e alla boria, si faccia tutto, operando silenziosamente e nel migliore dei modi.
Il nostro Clan mira a fare di ciascuno di noi delle creature utili alla società, le quali, perfezionando se stesse, giungano con la parola e soprattutto con l’esempio a fare migliori quanti li avvicinano.
Sappiano rimproverare con carità e ricevere i rimproveri con umiltà, stretti fra loro da una fratellanza vera e sentita, si aiutino a vicenda.
Questi gli orientamenti del Clan, i cui componenti per altro vedono nella Legge Scout, con i suoi dieci punti tanto sintetici e pur tuttavia completi, la loro Carta che con tutte le forze si impegnano a rispettare.
La Legge
I.   Lo Scout reputa suo onore meritare fiducia
II.  Lo Scout è leale (verso la Patria, i Genitori, i Capi, i  suoi datori di lavoro, i suoi dipendenti)
III.  Lo Scout è sempre pronto a servire il prossimo
IV. Lo Scout è amico di tutti e fratello di ogni altro Scout (a qualunque paese, classe sociale, religione esso appartenga)
V.  Lo Scout è cortese e cavalleresco
VI.  Lo Scout è buono anche con gli animali, creature di Dio
VII. Lo Scout ubbidisce agli ordini dei suoi Genitori, del suo Capo Squadriglia, dei Capi
VIII. Lo Scout sorride anche nelle difficoltà
IX.  Lo Scout è laborioso ed economo
X.   Lo Scout è puro di pensieri parole e azioni
I articolo
Matteo cap. 5 ... Voi siete il sale della terra e se il sale diviene scipito con cosa si salerà ... Voi siete la luce del mondo ... Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini affinché veggano le vostre opere buone e glorifichino il Padre vostro che è nei cieli ...
Perciò io Rover, considero mio onore meritare fiducia come Apostolo, ovvero come centro di irradiazione della verità di Cristo, manifestandone chiaramente e saldamente i principi nella scuola come studente, nel lavoro come lavoratore, nella società come cittadino.
II articolo
Matteo cap. 5 ... Il vostro parlare sia si, si,  no, no: perché il di più viene dal maligno ...
Perciò io Rover, ho una parola sola - Parola d’Onore - parola di Scout. Sarà mia cura non tradirne la fiducia.
III articolo
Luca cap. 10 ... Nella Legge cosa sta scritto? “Ama il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta l’anima tua, con tutta la tua mente e il prossimo tuo come te stesso” fa questo e avrai la vita ...
La parabola del Buon Samaritano che impietosito si prende cura di quel poveretto incappato nei briganti si impone in special modo a me Rover che ho per motto                    “Servire”
L’amore è dedizione e servire i miei fratelli in Cristo, è amare secondo gli insegnamenti del Divino Maestro. Sovvenire il prossimo nei suoi bisogni sia materiali che spirituali è legge per me.
IV articolo
Matteo cap. 5 ... Sarete come Figli del Padre vostro che è nei Cieli il quale fa levare il sole sui cattivi e sui buoni e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti, ché se amate chi vi ama, che ricompensa ne avrete? Non fanno la stessa cosa anche i pubblicani? ...
Alla luce di questi insegnamenti, io Rover amerò tutti i miei simili senza distinzione di classe sociale, di razza, di religione, sentendomi naturalmente legato da più stretti vincoli con chi condivide il mio stesso ideale Scout.
V articolo
Luca cap. 24 ... Essi lo costrinsero a restare dicendo: “Rimani con noi che si fa sera e il giorno è già declinato”...
Perciò io Rover devo indossare l’abito della cortesia improntando la mia vita nel Clan e nella società ad un altissimo senso cavalleresco, considerando come continuo ospite della mia anima il Divino Maestro ed esercitando per riflesso verso tutti, quelle attenzioni che la cortesia suggerisce.
VI articolo
Matteo cap. 6 ... Osservate gli uccelli dell’aria, il Padre vostro celeste li nutre ... Considerate come crescono i gigli del campo ... Vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua magnificenza, andò mai vestito come uno di essi ...
Matteo cap. 10 ... Neppure uno di essi (passeri) cade in terra senza che il Padre vostro lo permetta ...
Se il Padre Celeste ha tanto cura della Sua Opera, io Rover vedrò ovunque l’orma della paternità di Dio e se Dio Padre veste i fiori di una irraggiungibile magnificenza e ha cura che non cada a terra neppure un uccellino, io dovrò ai fiori, alle piante ed agli animali il massimo rispetto.
VII articolo
Giovanni cap. 6 ... Io sono venuto dal cielo per fare la volontà del Padre Celeste ...
Se Cristo per un atto di ubbidienza si è fatto uomo e ha affrontato le sofferenze e la passione, io Rover per partecipare almeno in minima parte a questo sacrificio, ubbidirò a coloro che per me rappresentano il Padre Celeste.
VIII articolo
Luca cap. 24 ... Fatevi animo, sono Io ... Non abbiate paura ...
Con la fiducia nella Provvidenza e la buona volontà nel mio lavoro, io Rover non debbo scoraggiarmi nelle difficoltà giacché solo in questo frangente potrò vagliare le mie capacità e la mia fede nel Divino Maestro

IX articolo
Matteo cap. 25 ... Servo indegno e infingardo, tu sapevi che io mieto dove non ho seminato e raccolgo dove non ho sparso, quindi dovevi portare il mio denaro ad un banchiere, così al ritorno avrei ritirato il mio con l’interesse ...
Per non meritare lo stesso rimprovero, io Rover impiegherò i talenti di intelligenza e di capacità di cui Dio mi ha dotato, nel lavoro che la mia condizione sociale esige e cercherò di essere saggiamente parsimonioso in vista del mio domani.

X articolo
Marco cap. 7... Dal cuore procedono le bestemmie e i cattivi pensieri ...
Matteo cap. 5 ... Beati i puri di cuore perché vedranno Dio ...
Io Rover cercherò di custodire il mio cuore nel timore di Dio e nella rettitudine affinché i miei pensieri, le mie parole, le mie opere rispecchino sempre la luce e l’immagine del Signore, e non siano annebbiate da nessuna impurità
 
Lo scudetto del nostro Clan ha valore simbolico.


Come cerbiatto agile e svelto assetato di limpide acque, amante della montagna il cui fascino lo avvicina al Creatore tutto proteso verso l’alto come il pino svettante nell’azzurro ...
Ecco il Rover del Clan della Tortilla

Convento Padri Cappuccini 

Nella pergamena originale seguono le firme di tutti i rover che hanno fatto parte del Clan. Se vuoi vedere le firme in un formato più per cercare la tua, vai (per ragioni di privacy) nella parte riservata.

L'immagine sottostante riproduce le firme apposte sulla carta di clan. 

 

 


 Sarebbe simpatico fare l'elenco di tutti i firmatari. Tuttavia si aprono due problemi:

1- la carta si è deteriorata nel tempo e non tutte le firme risultano leggibili; in verità poche non sono state riconosciute.

2- alcuni dei firmatari sono stati "persi per strada" nella memoria collettiva ed è difficile identificarli.

Se vuoi saperne di più entra nell'area riservata e va alla sezione iscritti

 
< Prec.   Pros. >

© 2019 Clan della Tortilla
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.